PubblicitàAcquario Cattolica 2023
8.8 C
Rimini
9.8 C
Ravenna
Pubblicità
Pubblicità

Dimissioni Zingaretti, senatori De Petris, Errani e Ruotolo: “Occorre ristrutturare ill campo democratico, progressista ed ecologista”

di Redazione, #Politica “Siamo convinti della necessità ormai ineludibile di aprire un cantiere tra quanti, nella società civile e nelle forme organizzate della politica, si riconoscono nel campo largo delle forze progressiste, democratiche ed ecologiste, che si battono per i diritti civili e di genere e che sono antifasciste e contro il razzismo. Le dimissioni di Nicola […]
HomeCopertinaSardine a Palermo, migliaia di persone in piazza contro l’intolleranza. “Questa città...

Sardine a Palermo, migliaia di persone in piazza contro l’intolleranza. “Questa città non abbocca”

Pubblicità

foto: Live Sicilia

di Redazione #Palermo twitter@gaiaitaliacom #Sardine

 

Migliaia di persone in piazza, “Siamo diecimila”, cantano e lanciano slogan contro l’intolleranza in un raduno di piazza che ha superato in partecipazione le più rosee aspettative e che si è concluso di fronte al Teatro Massimo: anche il sindaco Orlando ha partecipato, ma non è intervenuto rilasciando un’unica dichiarazione alla stampa: “Questa città non abbocca”.

Gli slogan sono quelli ormai conosciuti “Palermo non si Lega”, “Seimila sardine antifasciste”. Cantano  “Bella ciao”. Gridano “Fuori la Lega” da Palermo”. Sono gente comune, studenti, lavoratori, professionisti, pensionati ed hanno cartelli, disegni e sardine di cartone appese al collo, attaccate ai giacconi. Sorridono. Sorridono tanto. E sorridono contro l’odio indotto dall’odio per allevare odiatori.

Riporta il quotidiano Repubblica la frase di uno degli organizzatori che dovrebbe diventare il libro sacro della politica che vuole la vita.

Questa piazza rappresenta una maggioranza silenziosa che si è svegliata e che afferma che i problemi dell’Italia non sono colpa del diverso, vogliamo che finisca la politica che alimenta l’odio sui social e nelle tribune politiche, ma chiediamo a tutta la politica di svegliarsi e rispondere alle esigenze della gente”. 

Lo facciano. Subito. Il tempo dei silenzi è finito.

 

 

(22 novembre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata