PubblicitàAcquario Cattolica 2023
14.4 C
Rimini
16.4 C
Ravenna
Pubblicità
Pubblicità
HomeCesenaStadio “Dino Manuzzi” sempre più all’avanguardia, proseguono i lavori di ripristino e...

Stadio “Dino Manuzzi” sempre più all’avanguardia, proseguono i lavori di ripristino e rivestimenti delle scale esterne

Pubblicità

Con uno stanziamento di 400 mila euro lo Stadio “Dino Manuzzi” a partire dai prossimi giorni, fino al prossimo autunno, sarà interessato da importanti opere di manutenzione straordinaria consistenti nel ripristino e rivestimento delle scale esterne. Negli ultimi mesi l’impianto sportivo più grande di Cesena, spesso al centro di eventi calcistici nazionali e internazionali e di iniziative musicali e di intrattenimento di rilievo, è stato rimodernato da significativi interventi di rifacimento dei quadri elettrici asserviti all’impianto di illuminazione, dall’attivazione del sofisticato impianto di videosorveglianza installato dalla ditta R Sicurezza di Cesena, e di adeguamento dell’impianto di rilevazione incendi. 

Dopo essere intervenuti sul fronte della sicurezza degli impianti, l’Amministrazione comunale ha assegnato i lavori alle ditte che si occuperanno rispettivamente della manutenzione straordinaria dell’impianto idrico-sanitario dei servizi igienici; della manutenzione con sabbiatura e fondo epossidico sui pianerottoli; e della fornitura e posa dei ponteggi per il rifacimento della copertura dei cinque tornelli (accessi allo Stadio).

“Al termine del Campionato 2022-2023 – commenta l’Assessore allo Sport e ai Lavori Pubblici Christian Castorri – abbiamo avviato l’esecuzione dei principali lavori di manutenzione riguardanti i 22 corpi scala in acciaio che collegano gli anelli inferiori e superiori dei vari spalti, perché le lamiere che li ricoprono si sono corrose, in più punti in un modo molto visibile. Questa prima parte dei lavori ha interessato inoltre il rivestimento in gomma delle scale e dei pianerottoli, notevolmente usurato. L’Orogel Stadium ‘Dino Manuzzi’ rappresenta un fiore all’occhiello dell’impiantistica sportiva locale e regionale: si colloca infatti tra le strutture più moderne e performanti dell’Emilia-Romagna in grado di ospitare eventi importanti di carattere sportivo e culturale, come è avvenuto con l’amichevole Juventus-Atalanta dello scorso 12 agosto e con il Rockin1000. Anche per questa ragione, e con l’obiettivo di rendere il tempio bianconero sempre più all’avanguardia, interveniamo sulla struttura mettendola in sicurezza e garantendo, ai tifosi e a tutti i frequentatori, una più ampia fruizione”.

Lo stadio comunale,  tra i primi a livello nazionale interamente coperto, progettato con i massimi standard di sicurezza, di moderna concezione,  è stato realizzato tra gli anni 50/60. La tribuna e le curve sono state oggetto di un intervento di ristrutturazione generale nel 1988 con un progetto di demolizione e ricostruzione delle vecchie gradinate per incrementare la capienza dello stadio adeguandola ai campionati di serie A in cui ha militato la squadra della città. La struttura nuova a due livelli è stata inoltre realizzata in elementi verticali ed orizzontali portanti cemento armato sormontati da una copertura in elementi a traliccio in acciaio e collegati da 22 corpi scala in acciaio rivestiti in lamiera.

 

 

(21 agosto 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata