PubblicitàAcquario Cattolica 2023
8.7 C
Rimini
7.7 C
Ravenna
Pubblicità
Pubblicità

Allerta meteo per criticità costiera per la giornata di giovedì 18 aprile

Si raccomanda di prestare attenzione a strutture in esterno, gazebo e quant'altro possa essere soggetto al vento [....]
HomeCopertina RiminiBalconi adattati a sale da pranzo o terrazze coperte: avviata la rimozione...

Balconi adattati a sale da pranzo o terrazze coperte: avviata la rimozione di opere abusive per quattro appartamenti di un condominio a Torre Pedrera

Pubblicità

di Redazione #Rimini twitter@rimininewsgaia #TorrePedrera

 

I balconi trasformati in vere e proprie verande completamente chiuse con pannelli coibentati, infissi in vetro e alluminio e utilizzati poi come ripostigli, come terrazze ‘invernali’, come ingressi e in alcuni casi anche come sala da pranzo. Opere non conformi alle norme realizzate da diversi condomini di uno stabile della zona di Rimini nord e che l’Amministrazione, dopo ripetuti solleciti, interverrà per rimuovere.

La Giunta comunale ha infatti approvato i provvedimenti di demolizione di opere abusive per quattro appartamenti di una palazzina a Torre Pedrera, a pochi passi dal mare: si tratta soprattutto di balconi e spazi aperti che sono stati “adattati” a nuove funzioni aggiungendo pannelli scorrevoli in plexiglas o in vetro, in modo tale da creare un ambiente del tutto coperto.

Gli abusi sono stati rilevati per la prima volta dall’ufficio controllo edilizi del Comune già nell’estate del 2014: a seguito delle verifiche diversi privati si sono regolarizzati, ripristinando lo stato di fatto. In sei invece hanno ignorato l’ordinanza di demolizione emessa a suo tempo dal Comune: due hanno presentato ricorso e la loro situazione resta ancora in sospeso, mentre per gli altri quattro scatterà l’intervento dell’Amministrazione. La mancata esecuzione volontaria dell’ordinanza di demolizione comporta infatti che sia il Comune a intervenire coattivamente con la rimozione delle opere abusive, anche nell’ottica di equità nei confronti di coloro che sono già intervenuti in autonomia. Il Comune poi recupererà le spese necessarie per l’intervento coattivo dai privati che si sono resi responsabili dell’abuso.

 

(20 febbraio 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata