PubblicitàAcquario Cattolica 2023
13.6 C
Rimini
14.3 C
Ravenna
Pubblicità
Pubblicità

Allerta meteo per criticità costiera per la giornata di giovedì 18 aprile

Si raccomanda di prestare attenzione a strutture in esterno, gazebo e quant'altro possa essere soggetto al vento [....]
HomeCopertinaSu Emma Petitti candidata Sindaco di Rimini si scatena preventivamente la Lega...

Su Emma Petitti candidata Sindaco di Rimini si scatena preventivamente la Lega a gridare “Dimissioni”

Pubblicità

di G.G. #Lopinione twitter@rimininewsgaia #Politica

 

E’ noto che la Lega sa scatenarsi soltanto preventivamente e solo sulle ipotesi essendo per la Lega la realtà qualcosa che non si sposta più in là del circoscritto interesse elettorale del partito e dei suoi candidati, parlamentari, eletti. Fa però scompisciare la richiesta di dimissioni dall’Assemblea Regionale di Emma Petitti  sulla base della candidatura di quest’ultima alle amministrative riminesi del 2021.

Tuonano i correttissimi tribuni leghisti: “Se la presidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna, Emma Petitti, ha deciso di candidarsi sindaco di Rimini, è liberissima di farlo, ci mancherebbe. Tuttavia, correttezza istituzionale imporrebbe che facesse un passo indietro in Regione, dimettendosi dall’incarico di presidente dell’Assemblea legislativa”.

Non stupisce nemmeno tanto che non abbiano inoltrato uguale richiesta alle loro candidate Borgonzoni e Ceccardi quanto decisero di fare la loro figuraccia alle elezioni regionali perse in malo modo, perché è noto che la Lega decide anche per gli altri, ma non ci si può azzardare a dire loro cosa devono fare né a contestarli. E’ il frutto di un’idea un po’ peculiare della democrazia, diciamo così. 

I consiglieri leghisti si soffermano poi sul ruolo super partes che il presidente dell’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna dovrebbe avere, rendendo noto una volta di più che ciò che vale per gli altri non può valere per i leghisti, a meno che non dimostrino al di là di ogni ragionevole dubbio che quello del loro Vate e Tribuno Salvini, durante il suo disgraziato mandato come ministro dell’Interno finito tragicamente affogato in un mojito proprio alle porte di Rimini, sia stato un mandato super partes.

La candidatura di Petitti, ha scatenato un putiferio, non solo in Lega che di putiferio vive. E quando in politica si è capaci di scatenare putiferi si sa sempre cosa si sta facendo. Certo, non è detto che sia un bene. Il putiferio, ben inteso…

 

(10 novembre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata