Al Teatro Bonci va in scena il reading “Alla ricerca della Madre perduta” di Franco Pollini

Altre da Rimini

CONDIVIDI

di Redazione Spettacoli

Giovedì  13 ottobre, alle ore 21, il teatro “A. Bonci” ospiterà il reading teatrale “Alla ricerca della madre perduta” di Franco Pollini. La serata, che si colloca nell’ambito del Festival del Giornalismo culturale – Urbino/Festival Off, sarà introdotta dai saluti di Giorgio Calcagnini, Magnifico Rettore dell’Università di Urbino Carlo Bo, di Carlo Verona, Assessore ai Servizi culturali del Comune di Cesena, e di Lella Mazzoli, Direttrice Festival del Giornalismo culturale di Urbino.

“Da molte stagioni – commenta l’Assessore Carlo Verona – sosteniamo un progetto di collaborazione con l’Università di Urbino sui temi dei fondamenti, della storia e della critica delle scienze. Non si tratta solo di ricerca e neppure di diffusione della conoscenza scientifica, cui comunque si guarda con attenzione, ma anche di forme originali di spettacolo che trovano nel nostro teatro cittadino il luogo di rappresentazione più affascinante. Quando poi entra in gioco la potenza e la ricchezza di una delle personalità più vive della storia, Leonardo da Vinci, ci sono tutti gli elementi per immergersi nei percorsi più intriganti del pensiero e anche per apprezzare il risuonare delle note più profonde di un animo mai sazio di conoscenza e di ricerca. Non sappiamo chi sia stata la madre di Leonardo e quali sentimenti davvero egli abbia nascosto perfino a se stesso ma possiamo immaginare con l’autore del testo che tra loro ci sia stato un legame così profondo da guidare la vita di entrambi”.

La regia del reading è di Gabriele Marchesini che interpreterà anche la parte di Leonardo da Vinci, mentre ci sarà una particolarità per i due ruoli femminili , la madre di Leonardo e l’intervistatrice. Questi saranno infatti interpretati rispettivamente da Raffaella Marotti, responsabile del Laboratorio di Restauro della Strumentazione Scientifica nell’Università di Urbino Carlo Bo e docente della stessa materia nell’Università di Pavia e da Sara Taglialagamba, direttrice della Nuova Fondazione Carlo Pedretti e continuatrice insieme a Margherita Melani, l’altra allieva di Carlo Pedretti, dei suoi studi leonardiani.  Non è la prima volta che sul Palcoscenico del Bonci agiscono ricercatrici e ricercatori, una sorta di “Compagnia Teatrale degli Scienziati”, nelle vesti di attrici ed attori, seguendo l’idea che i testi di argomento scientifico possano essere interpretati da persone che svolgono professioni diverse da quelle teatrali e che abbiamo una conoscenza specifica della materia e la profondità di un proprio percorso di ricerca. È accaduto durante la precedente stagione con Processo alla bomba e con Intervista impossibile a Kurt Gödel  dello stesso autore.

Il testo ha come protagonista la madre di Leonardo che in un mondo ultraterreno, immaginato come un paesaggio immerso nella sua pittura e come un inno alla bellezza, svela e non svela il mistero del suo figlio. L’obiettivo è comunicare in forma piacevole e immediata i contenuti e i personaggi di una fase fondamentale della scienza moderna. La forma del reading è una intervista immaginaria, uno scoop giornalistico, basato su notizie storiche e su originali ipotesi narrative.

L’evento è promosso dal Comune di Cesena insieme alla Nuova Fondazione Rossana e Carlo Pedretti , al Centro Interdipartimentale “Urbino e la prospettiva”, Centro Interuniversitario di ricerca in Filosofia e Fondamenti della Fisica e al Dipartimento di Scienze Pure e Applicate (DiSPeA) Università di Urbino Carlo Bo. Prenotazioni al botteghino del teatro negli orari di apertura.

 

(10 ottobre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: