PubblicitàAcquario Cattolica 2023
12.7 C
Rimini
11.2 C
Ravenna
Pubblicità
Pubblicità

Allerta meteo per criticità costiera per la giornata di giovedì 18 aprile

Si raccomanda di prestare attenzione a strutture in esterno, gazebo e quant'altro possa essere soggetto al vento [....]
HomeCopertina RiminiArcigay: Caso Vannacci, il Meeting di Rimini batta un colpo. Si accetti...

Arcigay: Caso Vannacci, il Meeting di Rimini batta un colpo. Si accetti sfida di un incontro pubblico col popolo del Pride

Pubblicità

“Le parole oscene del generale Vannacci hanno invaso la cronaca, trovando sponde e condanne. Sono parole deliranti intrise di omotransfobia, di maschilismo, di razzismo, di spregio per l’ambiente e per tutte le persone che non rientrano negli schemi del tradizionalismo radicato nel Ventennio”.

Così Marco Tonti, presidente di Arcigay Rimini “Alan Turing” in una nota stampa.

“Solo pochi giorni fa ho rivolto, tramite una lettera aperta pubblicata sul Corriere Romagna, un appello di incontro-ascolto al Meeting “per l’amicizia fra i popoli” e il popolo dei pride che riempie strade e piazze a centinaia di migliaia ogni anno” continua il comunicato. “Questo popolo non merita forse amicizia? Persino il logo di quest’anno del Meeting è quasi Rainbow a suggerire ben altra considerazione. Eppure ogni anno si parla di noi direttamente e indirettamente, si dà voce ai detentori temporanei del potere sui nostri temi, ma non alle persone LGBTQI+ che quelle condizioni le vivono quotidianamente. In pochi giorni però lo scontro sulle parole di Vannacci ha reso irrimandabile questa necessità di chiarimento, non può essere solo delegato alle parole di rappresentanti di governo che si posizioneranno in base alle convenienze elettorali in vista delle elezioni europee. È urgente che questa posizione venga chiarita da un incontro e un dibattito pubblico e aperto, dando voce alle persone che il disprezzo di Vannacci se le trovano addosso tutti i giorni”.

“È un dovere raccogliere questa sfida” chiosa Tonti “perché l’umiliazione e il disprezzo verso un pezzo incolpevole della società devono far sentire il dovere di dire da che parte si sta di questo crepaccio che si è aperto nel dibattito pubblico italiano”.

 

 

(22 aprile 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata