PubblicitàAcquario Cattolica 2023
7.5 C
Rimini
6.2 C
Ravenna
Pubblicità
Pubblicità

Roberto Speranza tende la mano a Letta e Conte: “Scrivere insieme una pagina nuova

di G.G., #Politica Con un post sulla sua pagina Facebook (in basso) il ministro della Salute Roberto Speranza, anche segretario di Articolo Uno, si dice pronto al confronto per una nuova agenda progressista per l’Italia rivolgendosi ad Enrico Letta e Giuseppe Conte con un invito a “Scrivere insieme una nuvoa pagina per l’Italia”.   Difesa dei beni pubblici […]
HomeItaliaE’ il giorno di Giuseppe Conte, dall’invisibilità al redde rationem

E’ il giorno di Giuseppe Conte, dall’invisibilità al redde rationem

Pubblicità

di Giancarlo Grassi #Politica twitter@gaiaitaliacom #Pentaleghismo

 

Alle 15 in Senato, dirette da tutte le parti, il redde rationem di Giuseppe Conte. Da presidente del Consiglio invisibile, offuscato dall’ingombrante figura del Truce e i suoi Trucetti, sulla carta Conte le canterà chiare a tutti quanti e poi salirà al Quirinale per rassegnare le dimissione al presidente Mattarella. Cosa farà Di Maio? Cosa farà Salvini? Continuerà l’orribile esperimento gialloverde senza Salvini tra i piedi – e come essendo lui il segretario della Lega?

Racconta il Corriere che Di Maio sarebbe stato prese a sberle verbali da GrilloCasaleggio nelle vesti di pacieri [sic] e di ricostruttori [sic] che gli avrebbero cantato chiaro e nei denti che il M5S è distrutto perché “tu non hai saputo tenerlo in piedi” come se loro non avessero responsabilità – sarebbe come se noi affidassimo la direzione di una nostra produzione teatrale ad un mulo – e gli avrebbero sventolato in faccia un sondaggio riservato che darebbe il M5S tra il 5 e il 7% nel caso si votasse ora. Ma sono chiacchiere da Corriere, nel senso che loro lo scrivono e noi lo riportiamo.

Salvini continua a gridare incongruenze: stamattina, da Radio24, diceva che la Lega ha le idee chiare quando parla di soldi cosa che è effettivamente vera, soprattutto quando deve metterseli in tasca, peccato che poi – dopo quattordici mesi al governo, il solo risultato che Salvini il Truce può vantare è quello di avere fatto una guerra ingiustificata contro le ONG che non hanno risolto il problema dei migranti che continuano ad arrivare a Lampedusa nel silenzio assoluto del leader leghista e ministro dell’Interno.

Non daremmo nulla per scontato, non sappiamo voi, perché oggi potrebbero anche esserci sorprese. E non sarebbero nemmeno così inaspettate. Seguiteci.

 

(20 agosto 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata