PubblicitàAcquario Cattolica 2023
11.6 C
Rimini
9.1 C
Ravenna
Pubblicità
Pubblicità
HomeCopertinaGreen pass: “Allo stadio, non per la pizza”. Esilarante Salvini

Green pass: “Allo stadio, non per la pizza”. Esilarante Salvini

Pubblicità

di G.G. #Politica

Il segretario ondivago ancora. Nuovo obbiettivo dell’offensiva leghista-sovranista è la questione Green pass che dà la misura dell’onestà intellettuale dell’azione politica del segretario leghista. Secondo il salvinismo in decadenza bisogna utilizzare il Green Pass per gli stadi e non per le pizzerie. Chissà se parla a suocera perché Papeete intenda.

L’intervento del segretario è, a suo modo, un capolavoro di vacuità: “Mettiamo in sicurezza genitori e nonni senza punire nipoti e figli. E presto cambieremo il criterio sui colori delle regioni”. Quel plurale sui colori delle regioni è in ritardo, la scelta è già stata fatta. Da Speranza e non da Salvini che si trova nella sgradevole posizione di lanciare anatemi per tenere buono il suo elettorato, senza avere i mezzi politici per far saltare Draghi, anche se i suoi toni direbbero il contrario, perché nemmeno il Matteo leghista può dire a Giorgetti cosa fare.

Poi il consiglio, solito, sul “buon senso”, ad averne di buon senso: “Usiamo il modello tedesco, niente Pass, ma buon senso, educazione, regole”. Da che pulpito.

Dunque la dichiarazione di Salvini dice una cosa: il Green Pass, passerà. E passerà come lo ha deciso Draghi. Lui, Salvini, voterà la misura. Salvo poi gridare come se avesse fatto il contrario.

 

(19 luglio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata