Home » Notizie » “Paolo e Francesca”: domenica 28 luglio (21,15, ingresso libero) la proiezione in piazza Francesca da Rimini della pelliccla di Raffaello Matarazzo

“Paolo e Francesca”: domenica 28 luglio (21,15, ingresso libero) la proiezione in piazza Francesca da Rimini della pelliccla di Raffaello Matarazzo

di Redazione #Rimini twitter@rimininewsgaia #Cultura

 

Domenica 28 luglio, alle ore 21,15, presso la nuova arena di Piazza Francesca da Rimini, nell’ambito del programma degli Agostiniani, verrà proiettata la pellicola di Raffaello Matarazzo, del 1950, “Paolo e Francesca”. La copia, in pellicola 35 mm (89′), proviene dalla Cineteca Nazionale. Introduce il film Gianfranco Miro Gori.
Il cinema di Raffaello Matarazzo è noto soprattutto per il grande successo ottenuto, negli anni cinquanta, dai suoi melodrammi popolari (Catene, Tormento, I figli di Nessuno, L’Angelo bianco ecc.). Ma nel 1950, prima di Catene, il regista italiano dirige un film tratto dalla vicenda di Paolo e Francesca. La sceneggiatura porta 6 firme tra cui quelle di Vittorio Calvino e del regista che per la 1a volta si cimenta con i canoni del melodramma, sia pur filtrati attraverso la ricostruzione storica.

La tragica storia d’amore tra Paolo e Francesca, tratta dal V Canto dell’Inferno dantesco, viene riletta da Matarazzo, re del melodramma popolare italiano, con abile sapienza narrativa. Ma qual è il rapporto fra la visione filmica di Matarazzo e il V canto dell’Inferno di Dante?. Il regista non si lascia sedurre dalle letture classiche della storica vicenda e sposa con convinzione un approccio mélo, definendo con questo film quella che sarà la dimensione a lui più consona. Certamente il film si ispira alla Divina Commedia, ma se nell’opera di Dante i due amanti scoprono di esser tali solo nella complicità del Libro, nel film di Matarazzo lo spettatore sa invece che, davanti al medium galeotto, si verifica qualcosa di già preesistente e ben noto. Paolo e Francesca, nel film, attorno al Libro sanciscono qualcosa di avvenuto tempo prima, e questo incontro è soltanto la realizzazione di una tensione fino ad allora contratta e protratta e che si scioglie e si libera.

Romagna, XIII secolo. Da molto tempo le truppe della signoria riminese dei Malatesta stanno cercando inutilmente di conquistare Ravenna. A tal fine, Gianciotto Malatesta invia clandestinamente il fratello Paolo nella città romagnola; il piano è quello di distruggere i magazzini di grano per poi prendere i ravennati per fame, ma qualcosa va storto, e Paolo viene scoperto e aggredito. Lo porta in salvo Francesca, una bellissima nobildonna che cura i feriti in un convento. Un bacio basta a far innamorare i due giovani. Intanto Gianciotto decide di scendere a patti con Guido da Polenta, signore di Ravenna, sposandone la figlia. Paolo, rientrato nel frattempo al campo, viene così nuovamente mandato a Ravenna per sposare per procura la fanciulla. Lì scopre che la futura moglie del fratello sarà proprio Francesca che quindi, suo malgrado, è obbligata a trasferirsi a Rimini. Ma anche nella città malatestiana i due amanti continuano a vedersi segretamente, andando incontro a un tragico quanto inesorabile destino.

 

 

(25 luglio 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 


 

 




 

 

 

 

 

 

 




Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: