PubblicitàAcquario Cattolica 2023
7 C
Rimini
5.1 C
Ravenna
Pubblicità
Pubblicità

Memoria. Il libro di Ada Ottolenghi “Ci salveremo insieme. Una famiglia ebrea nella tempesta della guerra”. Il 2 febbraio

di Redazione, #GiornatadellaMemoria2021   Con lo scoppio della guerra la famiglia di Guido Ottolenghi, imprenditore ebreo torinese, si trasferisce a Porto Corsini (Ravenna). Dopo l’8 settembre 1943 e l’arrivo dei tedeschi la situazione per loro però si fa pericolosa. Tentano invano di fuggire al sud via mare poi, dopo alcune dimore provvisorie, trovano generosa accoglienza ...
HomeCopertinaA Ravenna c’erano Sardine ovunque

A Ravenna c’erano Sardine ovunque

Pubblicità

di Spinella #Ravenna twitter@bolognanewsgaia #6000Sardine

 

Mentre Salvini gemeva la straziante solitudine del suo dialogo spirituale con Medjugorje in diretta concorrenza con Paolo Brosio, migliaia e migliaia di Sardine occupavano pacificamente Ravenna, intasavano strade e salutavano l’ex ministro dell’Interno e l’invisibile Borgonzoni. Arrivavano da tutta la Romagna: Lugo, Castelbolognese, da ravenna, dalle città vicine tutti uniti in nome dell’antifascismo e contro l’odio. Perché di odio anche basta.

Contro la violenza, le bugie in politica, il divide et impera, la manifestazione si è spostata dal 4 al 5 dicembre, giornata in cui arrivava l’uomo della madonna in città, celebrando così anche il 4 dicembre, giorno della liberazione di Ravenna dal nazifascismo. Per ricordare a chi fa finta di niente che l’Emilia Romagna non dimentica.

Poche ore prima anche ad Ancona, nemmeno troppo distanze, le Sardine avevan chiesto “permesso” e le porte erano state aperte in modo fragoroso. E’ un trionfo della folla pacifica e festante che dice “no”  che dice “basta”. Basta a questa gente che sta lì da trent’anni ed ha devastato il vivere civile, diviso il paese e distrutto l’economia per la ricchezza di pochi. Verrebbe da dire di uno.

Altro che Europa. I responsabili sono loro. Che stanno ancora lì a raccontarla, nel modo più semplice, ai semplici che stanno ad ascoltarli perché non hanno altri mezzi.

 

(6 dicembre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata