PubblicitàAcquario Cattolica 2023
7 C
Rimini
5.1 C
Ravenna
Pubblicità
Pubblicità
HomeCopertina RiminiRimini Coraggiosa: I temi LGBTQI entrano nel documento strategico del Comune di...

Rimini Coraggiosa: I temi LGBTQI entrano nel documento strategico del Comune di Rimini

Pubblicità

di Redazione Politica

Nel consiglio comunale del 21 dicembre, in occasione del voto sul documento unico di programmazione, il Comune di Rimini adotta, con un emendamento del sindaco promosso da Rimini Coraggiosa e condiviso dalla maggioranza, l’impegno di combattere le discriminazioni e di attivarsi perché la popolazione LGBTQI (residente o turista) possa vedere Rimini come luogo sicuro e impegnato attivamente per il loro benessere, un impegno che ha ricadute ampie sul benessere generale.

Una Rimini che ha la prospettiva di diventare capitale della cultura e la legittima aspirazione di dimostrarsi una capitale europea non può non avviare un percorso incisivo su questi temi. L’alveo europeo infatti non riguarda solo l’appartenenza geografica o amministrativa ma anche l’adesione a un modello sociale di rispetto, di parità e di valorizzazione delle differenze ben radicato negli altri Paesi europei e nelle loro capitali. Rimini ha un nome e un ruolo da protagonista internazionale e come tale si deve qualificare.

L’esperienza della Community bagno 27 con l’impatto mondiale della sua passerella rainbow dimostra che il mondo si aspetta che Rimini possa qualificarsi come una capitale del diritto e del rispetto. Già da anni l’impegno di Rimini è innegabile anche con l’adesione alla rete READY, ma da oggi questo impegno diventa strategico, e questo certamente rappresenterà un consistente cambio di passo.

Così un comunicato stampa di Marco Tonti, Capogruppo Rimini Coraggiosa in consiglio comunale a Rimini. E di seguito il testo dell’emendamento.

 “Nell’ottica del contrasto alle discriminazioni e del sostegno alla parità, il Comune di Rimini, anche in ottemperanza alla sua adesione alla rete READY, si impegna concretamente a contrastare le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere, e si impegna a favorire un contesto sociale accogliente, paritario, rispettoso e che permetta a ogni persona (residente o turista) la libera espressione di sé anche favorendo la nascita di luoghi di aggregazione sicuri. Rete RE.A.DY è la Rete italiana delle Regioni, Province Autonome ed Enti Locali impegnati per prevenire, contrastare e superare le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere, anche in chiave intersezionale con gli altri fattori di discriminazione – sesso, disabilità, origine etnica, orientamento religioso, età – riconosciuti dalla Costituzione, dal diritto comunitario e internazionale.

 

(22 dicembre 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata