PubblicitàAcquario Cattolica 2023
17.4 C
Rimini
17.6 C
Ravenna
Pubblicità
Pubblicità

Emilia Romagna, gli assessori rispondono ai cittadini sui temi legati all’emergenza Coronavirus

di Redazione,  #EmiliaRomagna twitter@bolognanewsgaia #Notizie   Al via il filo diretto della Regione con i cittadini sull’emergenza coronavirus: la situazione sul fronte sanitario, ma anche le ricadute che sta avendo su famiglie lavoro, imprese. E ancora: i provvedimenti sul fronte del welfare, della scuola, della cultura e tutto quello che può essere utile sapere in questo ...
HomeCopertina RiminiRimini, sorpreso in casa con 33mila euro. Arrestato 35enne per detenzione e...

Rimini, sorpreso in casa con 33mila euro. Arrestato 35enne per detenzione e svendita di denaro falso

Pubblicità
 

di Redazione, #Rimini twitter@rimininewsgaia #Cronaca

 

Nella giornata di sabato 18 gennaio i carabinieri della Stazione di Saludecio hanno arrestato un cattolichino 35enne residente a San Giovanni in Marignano e vecchia conoscenza delle forze dell’ordine, con un’ingente quantità di denaro falso. L’uomo era già nel mirino degli inquirenti dell’Arma che hanno deciso di effettuare una perquisizione della sua abitazione scoprendo 32.600 euro in banconote da 100 risultate false.

Il denaro, infatti, presentava gli stessi numeri di serie e un approfondito controllo ha permesso di accertare che era stato abilmente falsificato. Il tutto era custodito in diverse buste, su ognuna delle quali era scritto l’ammontare del contenuto, per un totale di 33mila euro. Con ogni probabilità, secondo gli inquirenti dell’Arma, almeno 400 euro sarebbero finiti in circolazione e il 35enne è stato quindi arrestato per detenzione e svendita di denaro falso.

Dopo aver trascorso il fine settimana nel carcere dei “Casetti”, nella giornata di lunedì 20 gennaio si terrà la convalida dell’arresto mentre sono in corso ulteriori accertamenti per scoprire la provenienza del denaro e che fine hanno fatto i 400 euro mancanti.

 

(20 gennaio 2020)

@gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata